Conservazione

La biodiversità mondiale è sottoposta a continue e diverse minacce. Per garantire un futuro alle specie selvatiche, i moderni giardini zoologici sono chiamati a svolgere il loro ruolo nella conservazione e il Parco Natura Viva sostiene diversi progetti in natura. Il Settore Ricerca e Conservazione promuove e monitora progetti di ricerca ex situ (lontani dal luogo di origine) e in situ (a favore delle specie nel loro ambiente naturale, a beneficio anche degli ecosistemi e della biodiversità): entrambi hanno l’obiettivo di condividere informazioni utili alla conservazione degli elementi naturali ai quali si dedicano. I progetti di conservazione in situ sono mirati alla reintroduzione degli individui, spesso in sinergia con partner internazionali e il Settore Ricerca e Conservazione ha contribuito alla loro definizione e realizzazione.

Sfoglia qui sotto i progetti che ci vedono impegnati giorno per giorno
nella tutela delle specie minacciate!

Anche tu puoi contribuire: scopri come adottare un animale!

Adotta un animale!

Contribuisci alle spese per il supporto di una specie nel Parco e per la salvaguardia degli habitat in natura!

adotta_png.png

SCOPRI COME PUOI FARE

Il Parco Natura Viva è inserito in un network italiano ed europeo di giardini zoologici, che lavorano insieme coordinando i propri sforzi per la conservazione e mantenendo degli elevati standard di gestione degli animali. I programmi di conservazione ex situ permettono di gestire le specie tra i diversi zoo, costituendo una popolazione con una buona diversità genetica, i cui individui possono anche essere scelti per il reinserimento in natura.

All'interno dell'EAZA (Associazione Europea di Zoo e Acquari) esistono due tipologie di programmi di conservazione ex situ: ESB ed EEP.
 

eep.jpgEEP è un programma intenso di allevamento, gestito da un coordinatore che lavora in una struttura EAZA ed è assistito nel suo lavoro da un comitato. Il coordinatore si occupa di raccogliere informazioni sullo status di tutti gli individui della specie di cui si occupa ospitati nei giardini zoologici e acquari EAZA. Inoltre redige uno studbook, conduce analisi genetiche e demografiche e propone un programma per una gestione ottimale della popolazione. Il coordinatore e il comitato danno delle indicazioni alle varie strutture zoologiche su quali individui siano idonei alla riproduzione e gestiscono il loro trasferimento tra le varie strutture.
 
esb.jpgESB è un programma di allevamento meno intenso. Lo studbook keeper raccoglie informazioni su nascite, morti e trasferimenti tra le strutture EAZA. Questi dati vengono inseriti in un software che permette di condurre delle analisi sulla popolazione della specie in questione. Lo studbook keeper può quindi capire qual è lo stato della popolazione in cattività e se questa richieda un incremento di sforzi per essere gestita con successo a lungo termine e se sia quindi necessario proprorre un EEP.

Dal 1994 il Parco Natura Viva è studbook keeper del lemure catta, di cui ospita un numeroso gruppo nell'area Madagascar. 


Scopri di più su EEP ed ESB sul sito EAZA:

European Association Zoo & Aquaria

 
eaza.png

Chi siamo

avesani.png
speciale.png
spiezio.png dellaira.png
vaglio.png tezza.png
regaiolli.png zanardi.png
ottolini.png arduini.png

 

Mission
 

mission.jpg
a.jpg
b.jpg
c.jpg
d.jpg
e.png
f.png
g.png
 

La forza di una campagna Europea

Dal 2000 l’EAZA, l'Associazione Europea di Zoo e Acquari, lancia ogni anno campagne di conservazione che hanno come tema specie carismatiche, ambienti o problematiche naturali.

Tali campagne incrementano la cooperazione tra l’EAZA, i suoi membri e altre organizzazioni che si occupano di conservazione.


L'importanza delle raccolte fondi

Attraverso le campagne vengono raccolti fondi per finanziare progetti di ricerca e conservazione in situ e vengono sensibilizzati milioni di visitatori sulle tematiche della conservazione della natura.

Le campagne promosse dall'EAZA e sostenute dal Parco sono: