Incontri in classe condotti con il metodo IBSE

Negli ultimi anni numerosi studi hanno evidenziato un allarmante declino dell'interesse dei giovani verso le scienze. 
Sappiamo che i ragazzi sono pieni di domande, di curiosità, di desiderio di conoscenza che potrebbe essere stimolata e messa a frutto, aumentando l'interesse per le scienze, passando nell'insegnamento da metodi deduttivi ad altri basati sull'investigazione. 
IBSE (Inquiry Based Scientific Education) è l'approccio pedagogico promosso dalla Commissione Europea basato sul metodo scientifico dell'investigazione che stimola la formulazione di domande e azioni per risolvere problemi e capire fenomeni. Qui piuttosto che imparare in modo frontale e senza essere coinvolti, gli studenti sono alla base del processo di apprendimento. 
Proprio per questo, vi proponiamo interventi a scuola che, basati su questo metodo, hanno una durata di 3 ore, tempo necessario per permettere agli studenti di: 

· Essere coinvolti attivamente da domande significative dal punto di vista scientifico.
· Raccogliere evidenze sperimentali per rispondere alle domande.
· Sviluppare e formulare spiegazioni a partire dalle evidenze.
· Valutare tali spiegazioni anche alla luce di spiegazioni alternative.
· Comunicare e argomentare le spiegazioni da loro proposte.
 

Scarica il pdf delle lezioni in classe proposte

Questi incontri in classe sono proposti per la scuola secondaria di I e II grado

I nostri percorsi condotti col metodo IBSE si svolgono a scuola e hanno una durata di 3 ore.
Il costo di ogni intervento è di € 100,00 per classe. 
Gli incontri vengono proposti al suddetto costo solo nella provincia di Verona, per scuole delle province limitrofe al costo dell'intervento deve essere aggiunto un rimborso forfettario per la trasferta. 
Per richieste da altre province, si prega contattare il settore educativo del Parco via mail educativo@parconaturaviva.it 

 

Giardinieri delle foreste


Attraverso un laboratorio sui semi e la disseminazione i ragazzi arrivano a capire perché alcuni animali vengono chiamati "giardinieri delle foreste" e come siano stretti a volte i legami tra questi e le piante tanto da renderli interdipendenti. 
 

A tavola con gli animali


Armati" di grattugia, pinza e mortaio, gli studenti devono dimostrare come si nutrono gli animali, ispezionando alcuni crani e riflettendo su come si siano evolute tante forme e strutture anatomiche diverse. Attraverso lo studio di un progetto di conservazione del Parco comprendiamo l'importanza di tracce e segni di presenza, quali resti alimentari ed escrementi, per il monitoraggio della fauna selvatica oltre al significato di "specie ombrello".
 

Biodiversità in città


L'osservazione di reperti naturalistici e la visione di immagini porta i ragazzi a scoprire le meraviglie della biodiversità locale, comprendere quante specie condividono con l'uomo gli ambienti urbani e che una delle principali minacce che mette a rischio la vita della fauna selvatica sono le specie aliene invasive. 
 

Esplorando terre lontane


Un vecchio baule con tanti ricordi di viaggio trovato in soffitta. 
Cosa contiene e a chi apparteneva? Quali terre aveva esplorato il proprietario? Osservando il contenuto e vari altri materiali gli studenti arrivano a scoprire la destinazione sconosciuta, l'isola continente: il Madagascar. Paese così ricco di fauna particolare e unica, ma minacciato di deforestazione è da tempo oggetto di un progetto di conservazione del Parco al quale sarete invitati a partecipare con la vostra classe. 
 

Qualcosa da dichiarare?


Il bagaglio che i ragazzi hanno a disposizione può passare i controlli? Gli studenti, trasformati in esperti doganieri, devono controllare gli oggetti in essi contenuti e capire se i viaggiatori sono stati solo incauti acquirenti o se tra essi si nasconde un bracconiere.