Progetto Leopardo delle Nevi

Il Progetto

Il progetto di conservazione del leopardo delle nevi viene sviluppato su più fronti. Da un lato il Parco collabora con il MuSe (Museo delle Scienze di Trento), il quale sta conducendo un censimento del leopardo delle nevi in Mongolia, nel Parco Nazionale Tavan Bogd sui Monti Altai, al quale il Parco Natura Viva sta dando il suo contributo. Una prima spedizione di ricercatori italiani in Mongolia è già stata effettuata nella primavera del 2015, durante la quale sono stati campionati 600 km2, posizionando 49 fototrappole e toccando i 3.200 metri di quota. In quest’occasione sono stati individuati gli spostamenti e le tracce di 3 esemplari, ognuno con un territorio ben preciso, ripresi in 17 scatti. Il Parco ha acquistato  10 fototrappole da donare al progetto, che a metà febbraio erano già arrivate in Mongolia. Il 1° aprile partirà la seconda spedizione di ricercatori italiani capeggiata da Francesco Rovero per raggiungere i Monti Altai, al confine tra Russia e Mongolia. Le fototrappole verranno piazzate sul territorio per coprire ben 1000 km2 raggiungendo i 4.000 metri in quota. I dati raccolti consentiranno di avere un censimento reale degli animali presenti in quelle aree. Da questo poi si potrà partire per definire le azioni da adottare in situ per la tutela degli esemplari esistenti.

Il Parco partecipa alla conservazione del leopardo delle nevi anche sostenendo la Snow Leopard Trust, attiva da oltre 30 anni, che si occupa di costruire delle partnership con le comunità locali per stabilire le priorità necessarie per la conservazione del leopardo delle nevi in natura. Per raggiungere questo obiettivo è necessario:
  • studiare il leopardo delle nevi, per conoscerne il comportamento e l’habitat;
  • ascoltare le comunità locali, per comprendere le loro necessità;
  • cercare risorse finanziarie per sostenere programmi di conservazione a lungo termine.
Molte delle famiglie che convivono nell'habitat dei leopardi delle nevi sono costituite da pastori che dipendono fortemente sul loro bestiame come fonte di cibo e di risorse economiche. In questa situazione non possono permettersi di perdere neanche un capo di bestiame a causa di predatori come il leopardo delle nevi. Quando questo si verifica, talvolta ricorrono all’uccisione dei leopardi delle nevi per proteggere il bestiame o guadagnare del denaro in più.

La conservazione basata sulle comunità locali mira ad incentivarle a proteggere la fauna locale:
  • grazie al programma Snow Leopard Enterprises, le donne realizzano e vendono prodotti in lana fatti a mano che possono incrementare le entrate delle loro famiglie del 40%;
  • i piani di vaccinazione del bestiame contribuiscono a ridurre la diffusione di patologie tra gli animali, aumentando la stabilità economica delle famiglie e riducendo le minacce che gravano sui leopardi delle nevi;
  • le assicurazioni sul bestiame permettono ai pastori di essere rimborsati per le perdite di animali ad opera dei leopardi delle nevi;
  • i programmi di educazione alla conservazione informano i pastori sull’importanza della protezione del leopardo delle nevi in Cina, India, Kyrgyzstan, Mongolia e Pakistan.


Il ruolo del Parco

Il Parco sostiene la Snow Leopard Trust in diversi modi:
  • contribuendo al finanziamento per la costruzione di 17 recinti a prova di leopardo a Tarchit, in India, per ridurre la perdita di bestiame durante la notte; in cambio la popolazione locale ha firmato degli accordi per proteggere i leopardi delle nevi;
  • contribuendo alla realizzazione di 10 campi estivi per oltre 300 bambini a Ladakh e Spiti, che si sono divertiti imparando a conoscere e proteggere il leopardo delle nevi;
  • organizzando eventi di raccolta fondi volti a far conoscere al pubblico i leopardi delle nevi e il loro habitat;
  • sensibilizzando il pubblico in visita sulle problematiche che minacciano la sopravvienza dei leopardi delle nevi e promuovendo comportamenti responsabili. 


Come aiutare questo progetto

Se vi interessa questo progetto e volete aiutare a salvare i leopardi delle nevi e il loro habitat, ci sono molti modi con cui potete dare il vostro contributo. Partecipando alle attività organizzate dal Parco, come le visite al crepuscolo o i laboratori educativi, potrete conoscere più a fondo questa specie e le minacce alla sua sopravvivenza, apprendendo anche quali comportamenti adottare nel quotidiano per tutelare il loro habitat. Adottando i leopardi delle nevi del Parco contribuirete direttamente al finanziamento di questo progetto, ma anche con la vostra visita al Parco potrete dare un contributo concreto alla conservazione, poiché una percentuale del ricavato dai biglietti d'ingresso viene sempre destinata ai progetti in natura. Infine, sensibilizzando le altre persone sulle problematiche degli animali in natura potrete aiutare concretamente a diffondere la conoscenza e garantire un futuro al leopardo delle nevi nel suo ambiente naturale.